lancio ULTRA

Il Patriarca Scola lancia le Unità di lavoro per la transizione

In una società in transizione è doveroso, per la Chiesa, mettere insieme le energie positive per «il buon governo» del territorio. Magari creando anche opportunità nuove di formazione dei laici all’azione politica, dopo aver praticato quella sociale. È il senso che il cardinale Angelo Scola, arcivescovo eletto di Milano e amministratore apostolico di Venezia, dà alle «Unità di lavoro per la transizione», «Ultra» in sigla, costituite ufficialmente con un decreto illustrato da monsignor Fabio Longoni, delegato patriarcale per l’azione sociale.

Le prime due Unità sono attive a Venezia e sul Litorale. «È il tentativo – ha spiegato Scola – di creare collegamenti intelligenti fra le diverse realtà del territorio», a partire ovviamente dalla comunità cristiana e da quanto sa promuovere in campo sociale e culturale. «Non si tratta né di centri sociali né di centri culturali, ma di una realtà nuova, non calata dall’alto, puntualmente operativa (quindi non un chiacchieratoio), per dar modo ai diversi protagonisti, cattolici e laici, di muoversi insieme “nella transizione”, proponendo “la vita buona dentro una società plurale” che è la premessa anche di “un buon governo”».

Longoni ha fissato dei paletti: dall’identità relazione al riconoscimento reciproco, alla comunione dentro l’esperienza ecclesiale ma anche con quella civile. Con queste condizioni, però, l’apertura, ha raccomandato Scola, dev’essere a 360 gradi, perché le «Ultra» devono essere «realtà assolutamente dinamiche», magari anche una diversa dall’altra per meglio corrispondere alle esigenze di rigenerazione della popolazione del posto.

Per il cardinale, questa, in sostanza, «sarà una nuova modalità di articolare della dimensione missionaria della vita ecclesiale del patriarcato». Numerosi i sacerdoti e laici che hanno partecipato all’incontro di presentazione a Zelarino: preti dei vicariati, laici impegnati a titolo diverso nei centri culturali o nel mondo sociale, economico e del lavoro sul territorio, responsabili e referenti di uffici diocesani. Scola li ha sollecitati ad attivarsi rapidamente e, al tempo stesso, li ha rassicurati precisando che le «Ultra non vanno a sopprimere nulla dell’esistente», semmai a rigenerarlo».

Press kit

  • Presentazione Ultra – guarda 
  • Patriarcato di Venezia – leggi
  • Agenzia Stampa Quotidiana – leggi 
  • TGR Veneto  – edizione delle 19:30 sabato 3 settembre 2010 – guarda
gruppo PSL a Berlino

commenti & impressioni del viaggio a Berlino

gruppo PSL a Berlino

Le Scuole di Formazione all’Impegno Sociale e Politico (SFISP) del Patriarcato di Venezia e della Diocesi di Padova hanno partecipato a una meravigliosa esperienza internazionale in Germania.

Dal 1 al 5 Giugno 2011 i 38 partecipanti, sotto la direzione di Mons. Fabio Longoni e il sapiente coordinamento della Sig.ra Marisa di Gallo, hanno avuto due indimenticabili incontri con i protagonisti del 1989, l’anno della caduta del Muro di Berlino.

 

Quest’anno la Germania celebra il bicentenario della nascita del Vescovo WILHELM EMMANUEL VON KETTELER (25 dicembre 1811 Harkotten Vestfalia), famoso per la sua attività pastorale tanto da meritare il titolo di “vescovo dei lavoratori”.


Per questo è stato facile associare a questo anticipatore della dottrina sociale della chiesa la figura ugualmente prestigiosa del Prof. Giuseppe Toniolo (1845-1918) nato a Treviso, studente presso il collegio S. Caterina (zona Gesuiti) a Venezia e laureato in giurisprudenza a Padova, per il quale è attesa la prossima beatificazione.
Il viaggio a dato l’opportunità di conoscere a Lipsia il Prof. HELMUT SCHOLZ, ordinario emerito di chimica presso la locale università, protagonista della “Rivoluzione delle candele” presso la chiesa evangelica di S. Nicola, che in seguito determinato la caduta del Muro a Berlino.
E’ stata una testimonianza commovente che ha provocato l’emozione di tutti i presenti, in particolare per l’introduzione dedicata al “Kardinal Roncalli”, primo fautore nell’aprile 1963 del dialogo tra la Chiesa e gli stati dell’Europa orientale.



A Berlino, invece, Frau ROSWITA ha accompagnato il gruppo SFISP in Bernauer strasse dando modo a tutti di conoscere da vicino ciò che rappresentava fisicamente la divisione di Berlino con il Muro e poi con la visita alla chiesa parrocchiale di S. Michele, dove ha spiegato come abbia vissuto la separazione del proprio nucleo familiare a causa del Muro.
Inoltre, il viaggio ha permesso di conoscere il concetto di Economia Sociale di Mercato, nato nella cosiddetta “Scuola di Friburgo”, il centro della teoria economica neoliberale in Germania. Il fondatore di questa scuola fu WALTER EUCKEN. Suoi validi collaboratori furono WILHELM ROPKE, LUDWIG ERHARD e ALFRED MULLER – ARMACK.


Lo stato per la scuola di Friburgo non doveva agire contro le leggi del mercato, ma nella loro direzione, cioè ai fini di un corretto svolgimento del processo economico.


Per questo, la naturale conclusione del viaggio in Germania è avvenuta nella Cattedrale Cattolica di Berlino con la concelebrazione eucaristica nella solennità dell’ascensione. Perché qui riposa il Card. JOSEPH HOFFNER che nel 1940 ottenne un dottorato in scienze economiche a Friburgo, studiando proprio con WALTER EUCKEN.


Davvero un’esperienza indimenticabile!!
ANDREA PIOVESAN – TREVISO

viaggio a Berlino

In questi giorni (1-5 giugno) nella capitale tedesca si sta svolgendo il viaggio della Scuola di Formazione all’Impegno Sociale e Politico (SFISP) organizzato con la Pastorale Sociale e del Lavoro sul tema:

“1989-2009 vent’anni di cambiamenti / 1961-2011 cinquant’anni di storia”

Sarà la conclusione del lavoro-studio della Scuola di Formazione all’impegno Socio Politico che festeggia il ventennale dalla sua fondazione.
Si vuole fare conoscere soprattutto ai giovani gli avvenimenti di questi ultimi cinquanta anni di storia coinvolgendo anche i giovani della Pastorale giovanile e gli universitari.

portale dedicato alla visita del Papa

Programma della visita, la celebrazione ad Aquileia, la messa a San Giuliano sono solo alcuni dei documenti che è possibile consultare nel portale dedicato a questo importante evento che ha interessato il nostro territorio.

Il materiale riguardante la visita del 7/8 maggio 2011 di Benedetto XVI lo potete trovare all’indirizzo ilpapaanordest.it.

orientamento e speranza anche per il mondo del lavoro

Nella sezione Trivenetodocumenti -> relazioni, il messaggio rivolto alle genti del Nordest, in occasione della festività del Primo Maggio, dalla Commissione per la Pastorale sociale e del lavoro della Conferenza Episcopale Triveneto.

Il messaggio, redatto dall’arcivescovo di Trieste e vescovo delegato per la CET mons. Giampaolo Crepaldi, intende esprimere, in occasione della Giornata tradizionalmente dedicata al lavoro, “la solidale condivisione alle profonde aspirazioni di giustizia e di sviluppo integralmente umano che da sempre caratterizzano il mondo del lavoro delle nostre Regioni”.

settimane sociali

“Il Vangelo illumina l’uomo intero, generando così non solo solidarietà, ma anche cultura e dando origine a modi di vedere se stessi, gli altri, la vita ed il mondo che, pur nelle diversità e secondo tradizioni specifiche, possiedono principi comuni che generano ethos, cultura, civiltà, per promuovere lo sviluppo integrale dell’uomo………Ai discepoli Gesù non dice siate, ma voi siete il sale della terra e la luce del mondo. La presenza della Chiesa nel mondo vuole essere a servizio di tutto l’uomo, che è uno in se stesso e non sopporta schizofrenie”

(dal documento conclusivo della 46^ Settimana Sociale dei Cattolici italiani – Un cammino che continua…..dopo Reggio Calabria)